Posted on

 

Il prezzo di Bitcoin è sceso lunedì a causa delle maggiori preoccupazioni macroeconomiche, mentre le tariffe più basse dell’Ethereum vanno a beneficio degli utenti hardcore di DeFi.

Bitcoin (BTC) ha scambiato circa $13.011 a partire dalle 20:00 UTC (4 p.m. ET). Uno scivolamento dello 0,33% rispetto alle 24 ore precedenti.
La gamma delle 24 ore di Bitcoin: $12.773-$13.250
BTC al di sotto delle sue medie mobili a 10 e 50 giorni, un segnale ribassista per i tecnici del mercato.

Il prezzo di Bitcoin è salito a 13.250 dollari su scambi spot come Bitstamp prima di scendere fino a 12.773 dollari intorno alle 17:00 UTC (1 p.m. ET).

John Willock, CEO di Tritum, fornitore di liquidità cripto, ha detto che il mercato bitcoin può rimanere vicino al suo attuale punto di prezzo, anche se alcuni trader hanno partecipato alla presa di profitto lunedì.
Iscriviti a First Mover, la nostra newsletter quotidiana sui mercati.

Iscrivendoti, riceverai e-mail sui prodotti CoinDesk e accetti i nostri termini e condizioni e la nostra politica sulla privacy.

„Penso che sia possibile mantenere circa 13.000 dollari a breve termine“, ha detto Willock. „Ci saranno probabilmente alcuni trader che cercheranno di chiudere a lungo a causa della recente rincorsa che potrebbe causare un piccolo ridimensionamento“, ha aggiunto.

Tuttavia, Consantin Kogan, un partner del fondo di fondi crittografici BitBull Capital, ha detto che Bitcoin ha avuto uno slancio positivo prima del suo brusco calo del prezzo, e che molto di più verrà. „Dobbiamo tenere conto del fatto che una correzione è già in atto“, ha detto, „e penso che accadrà questa settimana“.

Anche i principali indici azionari globali sono in ribasso lunedì in mezzo all’incertezza di COVID-19.

Il Nikkei 225 in Asia ha chiuso in piatto, in rosso dello 0,09%, poiché i timori di restrizioni più severe in materia di coronavirus hanno lasciato gli investitori incerti a livello globale.
Il FTSE 100 ha chiuso la giornata scivolando dell’1,6% in quanto i crescenti casi di coronavirus in Europa hanno portato gli investitori a premere il pulsante di vendita.
Negli Stati Uniti l’S&P 500 è sceso del 2,2% con l’aumento dei casi di infezione da coronavirus e un possibile pacchetto di stimoli governativi è in un limbo.

„Quando si verificano problemi macro, questo colpisce l’intero mercato e non una sola classe di asset“, ha detto Andrew Tu, un dirigente di quant trading della società Efficient Frontier. „Le speranze di stimolo si stanno affievolendo mentre i casi di coronavirus stanno aumentando in America e nel mondo. Questo sta facendo sì che i paesi chiudano di nuovo le cose, il che farà sì che l’economia si contrarrà ulteriormente“.

Per saperne di più: Maratona acquista ulteriori 10.000 S-19 Pro Minatori da Bitmain

Mentre il bitcoin è sceso quando le azioni sono crollate negli ultimi tempi, la cintura di criptovaluta si è comportata molto, molto meglio delle azioni rispetto al saldo del 2020.

Nonostante il calo dei prezzi di lunedì, il mercato dei derivati bitcoin continua a segnalare bullismo, secondo Cindy Leow, partner della società di crittografia multi-strategia 256 Capital. „Il sentimento del mercato sta iniziando a crescere in modo più esuberante con le opzioni call con uno sciopero di 50.000 dollari entro la fine dell’anno quotate su Deribit, e i futures stanno iniziando a riscaldarsi“, ha detto Leow.

In effetti, i tassi di finanziamento sui futures sono ancora per lo più positivi sulle borse a termine, il che significa che i trader orientati a lungo termine continuano a pagare per la liquidità della leva finanziaria per fare scommesse rialziste.
Le commissioni in etere continuano a scendere

L’etere (ETH), la seconda più grande moneta criptata per capitalizzazione di mercato, è scesa di lunedì a circa 391 dollari e ha subito un calo del 4% in 24 ore a partire dalle 20:00 UTC (4:00 p.m. ET).

Per saperne di più: $24M Attack Trigger $570M ‚Bank Run‘ in Ultimo Exploit DeFi

Sabato 24 ottobre, la media delle tariffe giornaliere di rete sull’Ethereum ha raggiunto lo 0,00223399 ETH, un minimo non visto dal 12 luglio e che ha battuto il precedente 17 ottobre. Le tariffe di rete dell’Ethereum hanno toccato il massimo del 2020 a settembre, e in quel mese è stato pagato ai minatori il record di 166 milioni di dollari.

L’agricoltore „devops199fan“, un partecipante attivo di lunga data che trova opportunità di profitto nella finanza decentralizzata, o DeFi, ha detto che si aspetta un volume atteso più positivo, o EV, con tasse in calo. „In realtà penso che questo sia un bene per l’agricoltura a rendimento“, ha detto a CoinDesk, „perché significa che più opportunità sono EV positivi in quanto le tasse sono più basse“.